Mostre 2020

11:14
Scopri tutte le mostre da non perdere nel 2020. Un anno ricco di appuntamenti: l'offerta culturale del 2020 toccherà tutte le città d'arte italiane con una proposta che abbraccia qualsiasi richiesta. Di seguito l'elenco di tutte le mostre che inaugurano quest'anno e che assolutamente non possono mancare nella tua agenda. Costruisci il tuo calendario dell'arte. 

Photo by Andrew Neel on Unsplash

Brescia
Donne nell'arte. Da Tiziano a Boldini
Dal 18 Gennaio 2020 al 07 Giugno 2020
Palazzo Martinengo, via dei Musei 30
A cura di Davide Dotti
Per quattro mesi, le sale di Palazzo Martinengo a Brescia si popoleranno di dame eleganti, madri affettuose, eroine mitologiche, seducenti modelle e instancabili popolane. Donne nell'arte. Da Tiziano a Boldini è un racconto di come l'universo femminile abbia giocato un ruolo determinante nella storia dell’arte italiana, lungo un periodo di quattro secoli, dagli albori del Rinascimento al Barocco, fino alla Belle Époque. Oltre 90 capolavori di artisti quali Tiziano, Guercino, Pitocchetto, Appiani, Hayez, De Nittis, Zandomeneghi e Boldini che, con le loro opere, hanno saputo rappresentare la personalità, la raffinatezza, il carattere, la sensualità e le più sottili sfumature dell'emisfero femminile, ponendo particolare attenzione alla moda, alle acconciature e agli accessori tipici di ogni epoca e contesto geografico.

Milano
Novecento privato. Da De Chirico a Vedova
Dal 17 Gennaio 2020 al 22 Febbraio 2020
Galleria Bottegantica, via Manzoni 45
Alcuni dei Giganti del ‘900 italiano tornano nelle sale che, nel secondo dopoguerra, li avevano accolti quali giovani protagonisti dell’arte del loro tempo. Un'esposizione che conferma la piena validità di quelle che, all’epoca, potevano apparire come personali proposte, intuizioni, visioni di un pur quotato gallerista. La mostra, che è a cura di Stefano Bosi, Valerio Mazzetti Rossi e Enzo Savoia, si avvale della consulenza scientifica di Fabio Benzi.

Milano
Nero si bianco. Carte d'archivio raccontano Leonardo
Dal 16 Gennaio 2020 al 28 Marzo 2020
Archivio di Stato
Una narrazione multisensoriale del periodo milanese, e non solo, di Leonardo basata sulle fonti documentarie conservate in Archivio di Stato di Milano in una passeggiata emozionale che accompagna il visitatore attraverso le sale del Palazzo del Senato. L’esposizione si sviluppa in un percorso tematico incentrato sulla vita, sulle opere, sui luoghi e sull’uomo Leonardo, avvalendosi anche delle tecnologie 2D e 3D per portare il visitatore nel mondo parallelo del genio di Leonardo.
La mostra prende le mosse dalla vasta ricerca condotta in Archivio di Stato di Milano dall’architetto Giovanni Battista Sannazzaro e sarà l’occasione per presentare una selezione dei 350 documenti portati alla luce, fra i quali spiccano alcuni inediti di grande interesse. Trascritti e acquisiti in alta definizione, i documenti saranno collegati alle immagini più significative delle opere del genio fiorentino cui si riferiscono. Documento principe della mostra è l’unica firma autografa a oggi conosciuta di Leonardo, vergata da sinistra verso destra di fronte al notaio Antonio de Capitani in calce al contratto per la realizzazione del dipinto “La Vergine delle Rocce”, oggi esposto al Museo del Louvre.

Cremona
La voce dell'Adda. Leonardo e la civiltà dell'acqua. Milano, Cremona, Sondrio. 
Dal 15 Gennaio 2020 al 28 Febbraio 2020
Sala degli Alabardieri, Piazza del Comune 8
Sbarca a Cremona la mostra curata da Alberto Martinelli e Fabrizio Trisoglio, che celebra l'anniversario dei cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci - fra i primi scienziati, intellettuali e artisti ad intuire le incredibili risorse del grande fiume - e attraverso fotografie riprodotte su pannelli ricostruisce l'andamento dell'Adda. Dalle sorgenti nelle Alpi Retiche ci si sposta in Valtellina, per giungere fino a Cremona, attraverso immagini delle grandi strutture idroelettriche dell'ex municipalizzata milanese, opere di archeologia industriale, vedute e scorci del territorio e del contesto montano, naturalistico, tecnologico, agricolo e sociale.
L'itinerario della rassegna - che vede la presenza di autorevoli fotografi quali Antonio Paoletti, Guglielmo Chiolini, Gianni Berengo Gardin, Francesco Radino, Luigi Bussolati - spazia dalle rare immagini della seconda metà dell'Ottocento del Fondo Vismara, a quelle degli anni Trenta e Cinquanta, fino al ricco Fondo Contemporaneo degli anni Ottanta e alle più recenti campagne fotografiche commissionate da Fondazione Aem.

Roma
Gabriele Basilico. Metropoli
Dal 25 Gennaio 2020 al 13 Aprile 2020
Palazzo delle Esposizioni, via Nazionale 194
Dedicata a uno dei maggiori protagonisti della fotografia italiana e internazionale, la rassegna è incentrata sul tema della città con oltre 250 opere in diversi formati datate dagli anni Settanta ai Duemila, alcune delle quali esposte per la prima volta. La metropoli è sempre stasaggio antropizzato, dello sviluppo e delle stratificazioni storiche delle città, dei margini e delle periferie in continua trasformazione sono stati il principale motore della sua ricerca.
La mostra analizza questi temi mettendo a confronto le opere realizzate nelle numerose città ritratte, tra le quali Beirut, Milano, Roma, Palermo, Napoli, Barcellona, Madrid, Lisbona, Parigi, Berlino, Buenos Aires, Gerusalemme, Londra, Boston, Tel Aviv, Istanbul, Rio de Janeiro, San Francisco, New York, Shanghai, accostate secondo analogie e differenze, assonanze e dissonanze, punti di vista diversi nel modo di interpretare e di mettere in relazione lo spazio costruito.
Il percorso espositivo della rassegna si articola in cinque grandi capitoli: “Milano. Ritratti di fabbriche 1978-1980”, il primo importante progetto realizzato da  Basilico; le  “Sezioni del paesaggio italiano”, un’indagine sul nostro Paese suddiviso in sei itinerari realizzata nel 1996 in collaborazione con Stefano Boeri e presentata alla Biennale Architettura di Venezia; "Beirut", due campagne fotografiche per la prima volta esposte insieme, realizzate nel 1991 in bianco e nero e nel 2011 a colori, la prima alla fine di una lunga guerra durata oltre quindici anni, la seconda per raccontarne la ricostruzione; “Le città del mondo”, un viaggio nel tempo e nei luoghi da Palermo, Bari, Napoli, Genova e Milano sino a Istanbul, Gerusalemme, Shanghai, Mosca, New York, Rio de Janeiro e molte altre ancora; infine  “Roma”, la città nella quale Basilico ha lavorato a più riprese, sviluppando progetti sempre diversi fino al 2010, in occasione di una stimolante quanto impegnativa messa a confronto tra la città contemporanea e le settecentesche incisioni di Giovambattista Piranesi.

Bologna
Arte Fiera 2020 
Dal 24 Gennaio 2020 al 26 Gennaio 2020
Fiera di Bologna, Piazza della Costituzione
Per maggiori informazioni visitare il sito ufficiale: artefiera.it

Milano
Mario Schifano. Qualcos'altro
Dal 22 Gennaio 2020 al 20 Marzo 2020
Galleria Gio’ Marconi, Via Tadino 20
Mostra dedicata ad un nucleo di monocromi compresi tra il 1960 e il 1962, curata da Alberto Salvadori e in collaborazione con l’Archivio Mario Schifano.
Schifano intende con i suoi monocromi non solo azzerare la superficie del quadro, anche come risposta all’informale, ma attribuirle un altro punto di vista, “inquadrarla”, proporre un nuovo modo di vedere e di fare pittura. Il primo a capire che la superficie dei monocromi è semplicemente uno schermo sarà Maurizio Calvesi che così scrive nel catalogo della mostra alla Galleria Odyssia (1963): “Erano quadri originalissimi: verniciati con una sola tinta o due, a coprire l’intero rettangolo della superficie o due rettangoli accostati... Un numero o delle lettere (ma solo talvolta) isolati o marcati simmetricamente; qualche gobba della carta, qualche scolatura: il movimento della pittura era tutto lì.” Comune denominatore di un’intera generazione di artisti da Lucio Fontana a Enrico Castellani, da Piero Manzoni a Yves Klein, il monocromo non è una novità tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio dei Sessanta e Schifano ne è perfettamente consapevole.
“Pensavo che dipingere significasse partire da qualcosa di assolutamente primario...”, racconta l’artista, “I primi quadri soltanto gialli con dentro niente, immagini vuote, non volevano dir nulla. Andavano di là, o di qua, di qualsiasi intenzione culturale. Volevano essere loro stessi... Fare un quadro giallo era fare un quadro giallo e basta”.

Roma
Y.Z. Kami. Night Paintings
Dal 18 Gennaio 2020 al 21 Marzo 2020
Gagosian Gallery, via Francesco Crispi 16
"L’astrazione ha sempre fatto parte del mio lavoro" Y.Z. Kami. Night Paintings, una mostra di nuovi dipinti di Y.Z. Kami. Questa è la prima mostra personale dell’artista in Italia, e segue la sua partecipazione al progetto collaterale della 58° Biennale di Venezia, The Spark Is You, la collettiva organizzata dalla Parasol unit foundation for contemporary art di Londra.

Monza
Giappone. Terra di Geisha e Samurai 
Dal 30 Gennaio 2020 al 02 Giugno 2020
Villa Reale, Viale Brianza 1
Il percorso espositivo, messo a punto da Francesco Morena, propone uno spaccato delle arti tradizionali dell’arcipelago estremo-orientale attraverso una precisa selezione di opere databili tra il XIV e il XX secolo, tutte provenienti dalla raccolta di Valter Guarnieri, collezionista trevigiano con una grande passione per l’Asia orientale, alle quali si uniscono, in questa speciale occasione, alcuni kimono della raccolta di Lydia Manavello, collezionista trevigiana esperta conoscitrice di tessuti asiatici.

Milano
Liu Ye. Storytelling
Dal 30 Gennaio 2020 al 28 Settembre 2020
Fondazione Prada
Largo Isarco 2
Storytelling è la mostra personale del pittore cinese Liu Ye a cura di Udo Kittelmann presso la galleria Nord nella sede di Milano. Il progetto espositivo, inaugurato per la prima volta a Prada Rong Zhai a Shanghai nel 2018, prosegue a Milano e include una selezione di 35 dipinti realizzati a partire dal 1992. A Shanghai, le opere di Liu Ye interagivano in modo armonico con gli arredi, le decorazioni e i colori originali della storica residenza del 1918, instaurando un rapporto simbiotico con gli spazi intimi e le piccole stanze di Prada Rong Zhai. A Milano, i suoi dipinti generano un contrasto cromatico e materico con le pareti di cemento e l’architettura industriale di Fondazione Prada, attivando una nuova sequenza narrativa e un enigmatico contrasto con gli ampi spazi espositivi. La dislocazione geografica contribuisce a focalizzare l’attenzione sull’abilità di Liu Ye nel creare un universo pittorico personale, che non si inserisce in nessun movimento artistico specifico.

Venezia
Collettiva Giovani Artisti. 103ma edizione
 Dal 02 Febbraio 2020 al 08 Marzo 2020
Fondazione Bevilacqua La Masa, Galleria di Piazza San Marco 71/c
Una giuria di esperti si è riunita venerdì 13 dicembre a Palazzetto Tito per visionare le proposte presentate dai 149 partecipanti al bando della storica Collettiva Giovani Artisti dell’Istituzione Fondazione Bevilacqua La Masa, arrivata quest’anno alla 103ma edizione. La commissione, composta dal Professor Bruno Bernardi, Presidente dell’Istituzione Fondazione Bevilacqua la Masa, poi sostituito dal consigliere Roberto Zamberlan, e da Matilde Cadenti, Stefano Cecchetto, Lidia Panzeri e Dario Pinton, ha valutato le proposte presentate dai giovani artisti del Triveneto di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Nella valutazione finale sono state selezionate le opere di 37 giovani artisti. Di seguito i nomi:
Art Builders Group (collettivo), Luisa Badino, Federica Basso, Nicola Bertolo, Giacomo Bianco, Clelia Cadamuro, Simone Carraro, Francesco Casati, Stefano Cescon, Damiano Colombi, Jonathan Colombo, Enrico Dedin, Giacomo Deppieri, Daria Dmytrenko, Bruno Fantelli, Greta Maria Gerosa, Maddalena Granziera, Angela Grigolato, Bohdan Koshovyi, Chan Juan Liu, Giulio Malinverni, Arianna Marcolin, Elisabetta Mariuzzo, Anna Marzuttini, Marco Mastropieri, Giulia Milani, Alessandro Miotti, Ilaria Miotto, Jared Munn, Laura Omacini, Mattia Pastore, Carlo Scarpa, Ilaria Simeoni, Sofia Tocca, Giordano Tricarico, Cinzia Tusini, Fabiano Vicentini.

Torino
Cinemaddosso da Cinecittà a Hollywood. I costumi di Annamode
Dal 14 Febbraio 2020 al 15 Giugno 2020
Museo Nazionale del Cinema, Via Montebello 20 
Cinema e arte si fondono in questa mostra cinemaddosso da Cinecittà a Hollywood i costumi di Annamode curata da Elisabetta Bruscolini. L'esposizione celebra la straordinaria storia della Sartoria Annamode, eccellenza del Made in Italy dagli anni Cinquanta a oggi nella realizzazione di abiti per grandi produzioni cinematografiche nazionali e internazionali. Oltre 100 costumi per 40 film, un percorso espositivo dove ogni abito è esposto come un’opera d’arte e raccontato grazie a diversi contributi video: un allestimento sorprendente curato da Maria Teresa Pizzetti. Un percorso fortemente immersivo e interattivo all'interno del Museo Nazionale del Cinema di Torino, che descrive ed evoca 70 anni, dalla "Dolce Vita" ai giorni nostri, di un'avvincente storia imprenditoriale al femminile, quella delle sorelle Allegri, Anna e Teresa, che con i loro costumi e le loro invenzioni hanno reso celebre in tutto il mondo la Sartoria Annamode.

Torino
Memoria e Passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero 
Dal 20 Febbraio 2020 al 10 Maggio 2020
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, Via delle Rosine 18
Tra le oltre duemila immagini che compongono la collezione, i curatori ne hanno scelte più di duecento, realizzate da circa cinquanta autori provenienti da tutto il mondo: tra i tanti, spiccano i nomi di Bruno Barbey, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Robert Capa, Lisetta Carmi, Henri Cartier-Bresson, Mario Cattaneo, Carla Cerati, Mario Cresci, Mario De Biasi, Mario Dondero, Alfred Eisenstaedt, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Jan Groover, Mimmo Jodice, William Klein, Herbert List, Duane Michals, Ugo Mulas, Ruth Orkin, Federico Patellani, Ferdinando Scianna, Franco Vimercati e Michele Zaza.
Curata da Walter Guadagnini, direttore di CAMERA, con la collaborazione di Barbara Bergaglio e Monica Poggi, la mostra racconta il nostro passato e le radici del nostro presente, oltre all’evoluzione della fotografia italiana e internazionale di un intero trentennio.

Parma
Parma Capitale Italiana della Cultura 2020
Dal 11 Gennaio 2020 al 13 Gennaio 2020
Sedi varie
Al via la tre giorni parmense dedicata alla città Capitale Italiana della Cultura 2020: da sabato 11 gennaio al 13 gennaio. Il programma è fitto di eventi: l’11, People of Parma, una parata in giallo per le strade della città con tutta l’energia della cultura; il 12, al Teatro Regio la cerimonia istituzionale con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella; il 13 un affascinate Viaggio nella città d’oro. Nei tre giorni l’inaugurazione di tre mostre: Time Machine. Vedere e sperimentare il tempo; Noi, il Cibo, il nostro Pianeta: alimentiamo un futuro sostenibile e Parma è la Gazzetta. E ancora letteratura contemporanea con Stefania Auci e Gianrico Carofiglio; concerti e musica fiore all’occhiello della città. Ancora, sabato e domenica Verdi Off ed il Teatro Regio portano la musica, energia e creatività sulle linee degli autobus cittadini, all’Ospedale dei Bambini, negli Istituti Penitenziari di Parma, nelle Case per Anziani e nei dormitori della città. Infine, durante la tre giorni, tre luoghi simbolo della città saranno animati da videomapping che il Comune dona alla città in occasione della tre giorni: piazza Garibaldi vedrà protagoniste “Le PAROLE della cultura”, mentre Piazza Duomo sarà accesa da “TEMPUS. Il tempo del lavoro” una proiezione multimediale sulla facciata della Cattedrale, entrambi prodotti da Kifitalia, Idea Factory e Cantiere Idea.

Salerno
Stardust Bowie by Sukita
Dal 04 Gennaio 2020 al 27 Febbraio 2020
Palazzo Fruscione, Vicolo Adelberga 19
L'associazione culturale Tempi Moderni, con il supporto della Regione Campania e ONO arte contemporanea presenta la mostra “Stardust Bowie by Sukita”, una retrospettiva dedicata al quarantennale rapporto professionale e personale tra David Bowie, una delle più importanti icone della cultura popolare contemporanea, e il maestro della fotografia giapponese Masayoshi Sukita, probabilmente il più importante fotografo col quale David Bowie abbia mai lavorato. 

Forlì 
Ulisse. L’arte e il mito
Dal 15 febbraio al 21 giugno 2020,
La mostra Ulisse. L’arte e il mito è interamente dedicata al mito di Ulisse e alle sue varie declinazioni e visuali. Dal XXVI canto dell’Inferno dantesco allo Stanley Kubrick di 2001 – Odissea nello spazio, dal capitano Acab di Moby Dick di Melville alla città degli Immortali di Borges, dal Tasso della Gerusalemme liberata alla Ulissiade di Leopold Bloom fino ad arrivare al Kafavis di Ritorno ad Itaca: il grande eroe omerico è parte della cultura occidentale.

Milano
Georges de La Tour: l’Europa della luce
Dal 7 febbraio al 7 giugno 2020
Per la prima volta in Italia sarà dedicata una grande esposizione al più celebre pittore francese del Seicento, Georges de La Tour, e ai suoi rapporto con i grandi maestri a lui contemporanei. La rassegna sarà curata da Francesca Cappelletti con il contributo di un comitato scientifico composto da Pierre Rosenberg, Gail Feigenbaum, Annick Lemoine, Andres Ubeda, e promossa e prodotta dal Comune di Milano Cultura, Palazzo Reale e MondoMostre Skira. I dipinti di Georges de La Tour saranno posti a confronto con capolavori di altri artisti, quali Gerrit van Honthorst, Paulus Bor, Trophime Bigot, Hendrick ter Brugghen, per riflettere sulla pittura dal naturale e sulle sperimentazioni luministiche, nonché per affrontare diversi interrogativi che permmangono sulla produzione dell’artista. Sarà occasione per analizzare il profondo contrasto tra i temi diurni, più crudi e realistici, e i temi notturni con figure illuminate dalla luce di una candela. 

Roma
Rembrandt alla Galleria Corsini. L’autoritratto come San Paolo
Dal 20 febbraio al 15 giugno 2020
L’Autoritratto come san Paolo di Rembrandt, proveniente dal Rijksmuseum di Amsterdam, sarà esposto in mostra intendendo portare alla luce una vicenda dimenticata ma cruciale nella storia del collezionismo europeo. Il dipinto fu protagonista di un episodio significativo della dispersione di opere d’arte durante l’occupazione francese del 1799, quando il maestro di casa dei Corsini, apparentemente all’insaputa del principe Tommaso, lo vendette ai mercanti Luigi Mirri e William Ottley per far fronte alle contribuzioni forzate imposte dal nuovo governo. L’opera, che apparteneva a Neri Corsini, torna in Italia per la prima volta dal 1799. Sarà presente anche una selezione di incisioni di Rembrandt di proprietà della famiglia Corsini e altre opere. 

Venezia
Niñez rubata
dal 21 gennaio al 4 febbraio 2020. 
La mostra è curata da Roberta Semeraro ed è presentata e sostenuta da Iris Peynado.
In occasione del Giorno della Memoria, sarà allestita presso lo spazio Magazzino Gallery al piano terra di Palazzo Contarini Polignac a Venezia la mostra dell’artista israeliana Patricia Shira Mano Tolentino, dal titolo Niñez rubata. L’esposizione s’ispira ai ritratti dei bambini presenti nel Museo della Memoria di Gerusalemme. "L’idea del progetto Niñez Rubata è nata quasi un anno fa mentre guardavo le foto delle vittime della Shoah, nello specifico quelle del Ghetto di Varsavia. Mi ha colpito vedere un bambino nella foto intitolata Un bambino vestito di stracci seduto in una strada del ghetto e ho deciso di dipingere un piccolo ritratto del solo volto, della sua espressione impaurita. Successivamente ho iniziato a cercare altri bambini da ritrarre e mi è venuta l’idea di creare un muro composto di ritratti ad olio sul Ghetto di Varsavia, ispirato all’opera dell’artista francese Christian Boltansky. Questo progetto riguarda la memoria, e si propone di combattere la caduta nell’oblio, nell’antisemitismo e nel negazionismo della Shoah”.

Città della Pieve 
Mitopoiesi, l’uomo e la narrazione del mito nell’arte contemporanea 
A cura di Matteo Pacini,
Fino al 15 marzo 2020
In collaborazione con Galleria Artespressione di Milano
Promossa dall’Associazione Ankamò e dal Comune di Città della Pieve
Spazio Kossuth - Rimesse del Palazzo Vescovile

Perugia
Madonna col Bambino attribuita a Pinturicchio
Dal 10 Agosto fino al 26 Gennaio 2020
Galleria Nazionale dell'Umbria
Palazzo dei Priori
Corso Vannucci, 19 ‒ 06123

Dall'11 ottobre 2019 al 26 gennaio 2020
Galleria Nazionale dell’Umbria
Palazzo dei Priori
Corso Vannucci, 19 ‒ 06123

Dal 10 ottobre 2019 al 31 gennaio 2020
Museo Archeologico di Amelia
Tel: 0744 978120 

Venezia 
Viaggio Racconto Memoria - Ferdinando Scianna 
Dal 31 Agosto 2019 al 2 Febbraio 2020
Casa dei Tre Oci di Venezia

Venezia 
Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa e da altre collezioni fiamminghe
5 settembre 2019 / 1 marzo 2020
A cura di Ben Van Beneden
Palazzo Ducale - Appartamento del Doge

Venezia 
Livio Seguso – In principio era la goccia
Dal 15 ottobre 2019 al 12 aprile 2020
MUSEO DEL VETRO DI MURANO
Fondamenta Giustinian, 8

Venezia 
Breathless / Senza respiro. London Art Now / Arte Contemporanea a Londra
Dal 18 ottobre 2019 al Primo marzo 2020
GALLERIA INTERNAZIONALE D’ARTE MODERNA DI CA’ PESARO
Santa Croce, 2076

Padova
of French Art from the Virginia Museum of Fine Arts
Dal 26 ottobre 2019 al 1° marzo 2020
Palazzo Zabarella
via degli Zabarella, 14

Milano
Dal 17 Ottobre 2019 al 09 Febbraio 2020
Palazzo Reale
Piazza Duomo 12

Milano
Dall'1 Ottobre 2019 al 2 Febbraio 2020
Mudec - Museo delle Culture
Via Tortona 56

Milano
Dal 16 Ottobre 2019 al 15 Marzo 2020
MUDEC Museo delle Culture
via Tortona 56

Milano
Dal 25 settembre 2019 al 19 gennaio 2020
a cura di Luca Massimo Barbero
Milano, Palazzo Reale
Piazza del Duomo 12

Asti
“Monet e gli impressionisti in Normandia. Capolavori dalla Collezione Peindre en Normandie” 
Dal 13 settembre 2019 al 16/02/2020
75 opere che raccontano il movimento impressionista in Normandia a partire dai primi decenni dell’Ottocento.Da Claude Monet a Eugène Boudin, da Thèdore Gericault a Jean-Baptiste Corot, da Charles Daubigny a Jacques Villon, da Auguste Renoir a Pierre Bonnard.
Organizzazione: Arthemisia
Curatore: Alain Tapié
Palazzo Mazzetti
Corso Vittorio Alfieri, 357

Firenze
Rä di Martino – L’eccezione
Dal 25 ottobre 2019 al 13 febbraio 2020
MUSEO NOVECENTO
Piazza Di Santa Maria Novella, 10

Firenze
Bice Lazzari – La poetica del segno
Dal 24 ottobre 2019 al 13 febbraio 2020
MUSEO NOVECENTO
Piazza Di Santa Maria Novella, 10

Firenze
Enigma Pinocchio. Da Giacometti a LaChapelle
Dal 21 ottobre 2019 al 22 marzo 2020
VILLA BARDINI
Costa San Giorgio, 2

Firenze
Eugenia Serafini – Tra i cieli dell’Infinito
Dal 19 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
PLUS FLORENCE
Via Santa Caterina D'alessandria, 15

Firenze
L’arte e la moda
Dal 19 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
PLUS FLORENCE
Via Santa Caterina D'alessandria, 15

Firenze
Domenico Pompa – La pittura del poeta
Dal 19 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
PLUS FLORENCE
Via Santa Caterina D'alessandria, 15

Firenze
Anna Maria Fazio – Il brusio del mondo
Dal 19 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
PLUS FLORENCE
Via Santa Caterina D'alessandria, 15

Firenze
Franco Cingolani – Barcellona. Racconti del quotidiano
Dal 19 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
PLUS FLORENCE
Via Santa Caterina D'alessandria, 15

Firenze
Gianni Bucher Schenker – Preziosità del disegno
Dal 19 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
PLUS FLORENCE
Via Santa Caterina D'alessandria, 15

Firenze
Roberto Rosso – Firenze. Nostalgia del vedere
Dal 19 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
PLUS FLORENCE
Via Santa Caterina D'alessandria, 15

Napoli
dal 26 settembre 2019 al 23 febbraio 2020
Basilica di Pietrasanta 
Piazzetta Pietrasanta, 17-18 

Napoli
Dal 25 settembre 2019 al 23 febbraio 2020 
PAN Palazzo delle Arti Napoli


Nessun commento:

Copyright by Sara Durantini. Riproduzione riservata. Powered by Blogger.